CondiVisioni: neon, plastica e petrolio

Posted on 26 ottobre 2010

0



Per la rassegna CondiVisioni, mercoledì 27 ottobre, dalle 21.00 proiezioni di

UNDER NEON LIGHTS di Ivano de Simone (2010) 20′ colore

Umberto Pintore, sagomature di tubi al neon, è un artigiano al servizio della comunicazione.
I suoi manufatti spaziano dall’insegna da bar alle commissioni di artisti internazionali. La luce elettrica dei neon si espande in diversi punti della città, formando traiettorie di senso che travalicano il manufatto e si inseriscono in un discorso più ampio tra Pintore e lo spazio urbano.
[ANTEPRIMA]

LE CHANT DU STYRENE di Alain Renais (1958) 13′ colore

Oggi, che conosciamo la tossicità dello stirene, che piangiamo gli operai morti nei petrolchimici per effetto della sua manipolazione, il testo scritto da Raymond Queneau può sorprendere, ma erano tempi diversi e del composto chimico ci si lamentava solo per la puzza. La plastica prometteva di cambiare la vita quotidiana degli uomini e lo avrebbe fatto.
Ce lo racconatano i sacchetti accumulati nelle strade della città.
Un viaggio a ritroso dagli oggetti di plastica alla materia prima: il petrolio.
o

APOCALISSE NEL DESERTO di Werner Herzog (1992) 52′ colore

Finita la Guerra del Golfo – mai nominata, così come sono assenti date, nomi di luoghi o di persone – Herzog si reca due volte con una troupe minima nel Kuwait (estate 1991, gennaio 1992) per filmarne, in 13 brevi capitoli, le tracce, le ferite, le cicatrici.
Radi commenti in voce off: parlano i rumori della civiltà, il silenzio del deserto, le luci dei pozzi petroliferi in fiamme e, con poche, smozzicate parole, due madri.
Antirealistico, pessimista, apocalittico, è un documentario “inventato” che non si limita a rispecchiare l’esistente, ma a svelarne la verità nascosta e a far riflettere lo spettatore, lasciandolo libero di interpretare.

o

Redazione di Napoli Monitor

via Emanuele De Deo 63/A

Quartieri Spagnoli


Annunci
Posted in: iniziative