A mano armata, ultimo atto

Posted on 12 gennaio 2011

0


(disegno di giacomo nanni)

Anthony, il giovane rapinatore ucciso da un poliziotto in una tabaccheria in via Cirillo a Napoli, è morto la scorsa notte. Il diciassettenne era stato raggiunto da un proiettile esploso da un poliziotto all’interno dell’esercizio nel quale aveva fatto irruzione con un complice. Il 5 gennaio era stato dichiarato clinicamente morto. Il cuore ha continuato a battere fino alle 23 di ieri. Il padre Antonio morì a 31 anni il 5 gennaio del ’98, ucciso in un conflitto a fuoco da un carabiniere nel corso di una rapina a un ufficio postale. Il fratello Ciro fu ammazzato circa un anno fa.

Sta vita è ‘na kiavata

di Uomodisu, tratto dall’album The very be(a)st of Uomodisu. Polemics record 2009.

Maggio sfasteriato e campà ‘ncatenato

l’aggio testato ‘o frate: sta vita è ‘na chiavata

ogni juorno che passa so’ ddure e fiore bruciat’

ogni cient’euro abbuscata è buono pe ‘na pippata,

l’aggio passato già, te parlo ‘e cocche anno fa

e quando a cervella ca tenevo me faceva ji’ a faticà

‘e quando jevemo a fà ‘e spedizioni dint’o Bakù

e cumpagne ca tenevo primma mò nn’è tengo cchiù

e se ne veneno lloro, vonn’ fà ‘e bucchinare,

je quando jevo a scola nun m’accattavo manc’ o diario

tanto ‘o prufessore se ne futteva da vita mija

comme me so’ diplomato nunn’o saccie manch’je

e comme jevo a scola? a pere o co’ motorino

e si zumpavo ‘a scola era pecchè a primma matina

steveno ‘e guardie a posto e blocco pe tutte parte

e me fermavano pecchè se pensavano ca jevo a fà ‘e rapine

Vire, sta vita è ‘na chiavata

nun gli appriesso all’ati ca t’o metteno ‘nculo

rimane sulo sulo, e quando ‘a vaje truvanno

nun ce sta nisciuno ca te passa manc’ ‘a canna

sta vita è ‘na chiavata

tu piensa e cazzi tuoje ca doppo, o primma o poi,

o piglie sempe arreto, chi tene o core ‘e preta

nun te vo vede rimane, e si staje iettando o sanghe

nun te ra manco ‘na mano

Tengo nu diploma ca nun me serve a nu cazz’

e faccio ‘na fatica ca me fa ascì pazzo

pe me ‘a vita è comme ‘na canna ‘e fetazza

primma ca se straccia l’apparo c’a sputazza

Tu o saje ca o cazz’ è piccirillo e aroppo se fa ruosso

e si tiene nu problema o risuolve cu ‘na mossa

chi te pò aiutà ‘o ffà sulo a compromesso

ma tu stesso ce daje l’aggio do ffà

ce sta chi è ‘nfame, e chi invece è ‘na carogna

e chiedesse o ppane a chi nunn’o tene senza vergogna

‘o vide chic, brillante, ca se cura pure l’ogna

‘a fore è tutto benessere, a rinte è fogna

è dio denaro ca cummann’ ‘a vita lloro

forse è pe’ chesto ca pe sorde se more

e penso ca o munno è sempe stato accussì feroce

quando veco o giesù cristo ‘nchiuvato ‘nfaccia ‘a ‘roce

Vire, sta vita è ‘na chiavata

nun gli appriesso all’ati ca t’o metteno ‘nculo

rimane sulo sulo, e quando ‘a vaje truvanno

nun ce sta nisciuno ca te passa manc’ ‘a canna

sta vita è ‘na chiavata

tu piensa e cazzi tuoje ca doppo, o primma o poi,

o piglie sempe arreto, chi tene o core ‘e preta

nun te vo vede rimane, e si staje iettando o sanghe

nun te ra manco ‘na mano

Fosse ca so’ bravo, carnale e prepotente

e si m’vien’ sotto nun te faccio capì niente

e campo dint’ all’onestà, nun disprezzanno ‘a delinquenza

ma e vote penzo ca me vuò e nata manera

so’ nato dint’e quartieri comm’ e fiori a primmavera

comme pino daniele saccio sempe essere allero

quanno veco o male, miett’ ‘a coppe o bbene

e si è cosa buona e giusta, saccio ca me conviene

già saje o frate comme so’ maturo

te racconto ‘o passato e cocche vota o futuro

no, nun me piglie collera si nun me faje ll’augurie

si tien’ o torcicollo e ‘e mani comm’ o canguro

e pigliato ‘a freddezza? ‘a siente ‘sta brezza?

Je scrivo e canzoni pecchè veco ‘a munnezza

‘a vita fa e scherz’ e pe’ chesto pareo

ce sta chi me schifa e s’assetta affianco a me

Vire, sta vita è ‘na chiavata

nun gli appriesso all’ati ca t’o metteno ‘nculo

rimane sulo sulo, e quando ‘a vaje truvanno

nun ce sta nisciuno ca te passa manc’ ‘a canna

sta vita è ‘na chiavata

tu piensa e cazzi tuoje ca doppo, o primma o poi,

o piglie sempe arreto, chi tene o core ‘e preta

nun te vo vede rimane, e si staje iettando o sanghe

nun te ra manco ‘na mano.

Annunci
Posted in: attualità